Al via il Tour de Ski, la Val di Fiemme è pronta

0
453

Il 31 dicembre la prima gara del circuito che celebrerà la sua festa conclusiva tra una settimana, in Val di Fiemme. Dove l’organizzazione ha predisposto un programma “da grande evento”, con le gare in diretta TV e tutti gli appassionati (che vogliono) in pista con i campioni

Il Tour de Ski sta per decollare in Val Müstair, dalla casa di Dario Cologna, ma è pronto ad atterrare in Val di Fiemme laddove proprio lo svizzero vanta il primato di atleta più vincente, con quattro trofei in mano. E difficilmente, a breve, il campione elvetico con papà trentino e mamma altoatesina potrà essere spodestato. Un ponte, quello dal 6 all’8 gennaio, che vale la pena vivere intensamente lungo le piste fiemmesi.

Pellegrino? sì, no, forse…

Federico Pellegrino, diventato padre da poco, non ha confermato ufficialmente di esserci, ma in un cordiale colloquio si è lasciato andare: «Per il Tour de Ski, al momento, la possibilità della mia partecipazione è al di sopra del 50% e mi sento abbastanza bene», ha raccontato il campione aostano. «Nell’ultima settimana non sono riuscito ad allenarmi troppo, giustamente; d’altra parte, nelle gambe avevo già tanto allenamento del periodo precedente quindi, se parto, parto con l’idea come sempre di dare il meglio di me. Sarebbe bellissimo fare bene fin dalla Val Müstair, con una Sprint in skating che mi è sempre piaciuta e dove vorrei continuare a mettere in risalto quelle caratteristiche che mi hanno sempre contraddistinto.

Federico Pellegrino (foto: www.newspower.it).

La gara più difficile è senza dubbio la 15 km in tecnica classica della Val di Fiemme. Quando l’ho fatta in passato l’ho sempre patita. Per il resto, anche sul Cermis negli anni scorsi mi sono sempre comportato bene e mi è sempre piaciuta come gara. Quindi penso che, nel caso dovessi partire, cercherò di andare avanti il più possibile, anche se dipenderà molto dalla situazione a casa, se tutto andrà bene e soprattutto se io riuscirò a stare tranquillo lontano da casa».

De Fabiani, obiettivo stagionale

Da non sottovalutare nemmeno l’altro valdostano Francesco De Fabiani: «Direi che, come al solito, il Tour de Ski è uno degli appuntamenti più importanti dell’anno ed è uno dei miei obiettivi stagionali. Ci sono tante gare che mi piacciono, soprattutto la 15 km in tecnica classica Mass Start della Val di Fiemme, come sempre su una bella pista selettiva: mi è sempre piaciuta e ho sempre ottenuto dei buoni risultati e delle belle soddisfazioni».

Spettacolo garantito

Dieci gli uomini e sei le donne che dovrebbero presentarsi al via; qualcuno è pensabile si fermi prima delle tre impegnative tappe fiemmesi, ma lo spettacolo è garantito. Oltre agli azzurri, ci saranno da applaudire i due leader di Coppa del Mondo, Paal Golberg e Tiril Udnes Weng, ma anche il vincitore del Tour 2019 e 2022, Johannes Klæbo, così come il finnico Iivo Niskanen, sicuramente pericolosissimo al suo rientro.

Le piste fiemmesi sono già pronte, l’organizzazione sta mettendo a fuoco gli ultimi dettagli, anche dei tanti eventi di contorno per intrattenere il pubblico. E gli amatori cominciano il proprio conto alla rovescia per la Rampa con i Campioni, la “fotocopia” della Final Climb dei grandissimi.

C’è la diretta TV

Ci sono dunque tutti gli ingredienti (non dimenticando quelli del Tour del Gusto di domenica lungo l’erta della Final Climb) per una “scorpacciata” di emozioni. Da fare, al limite, anche comodamente sul divano, davanti alla diretta TV su Eurosport e Rai Sport. Anche se dal vivo, a bordo pista, però, è tutta un’altra cosa: “ballare” con i campioni è unico è irripetibile, che sia la Sprint o la Mass Start a Lago di Tesero o la Final Climb sull’Alpe del Cermis.