VITTOZZI SUPER: PRIMO PODIO IN COPPA DEL MONDO A KONTIOLAHTI

0
152
IBU Biathlon World Cup 2016/2017, 22-1-2017, Anterselva, Italia, Lisa Vitozzi (ITA), Foto Gabriele Facciotti, Pentaphoto/Mateimage||||||Lisa Vittozzi (Pentaphoto/Mateimage)||IBU Biathlon World Cup 2016/2017, 22-1-2017, Anterselva, Italia, Lisa Vitozzi (ITA), Foto Gabriele Facciotti, Pentaphoto/Mateimage||Fisi in Tour. Lisa Vittozzi Biathlon.
Lisa Vittozzi (Pentaphoto/Mateimage)
Lisa Vittozzi (Pentaphoto/Mateimage)

Il sogno di Lisa Vittozzi diventa realtà. Nella pursuit di Kontiolahti, la 22enne sale sul terzo gradino del podio centrando il primo podio di Coppa del Mondo della sua carriera.

La gara di Vittozzi ha vissuto un solo momento di difficoltà, al secondo poligono, quando l’errore, pareva averla messa fuori dai giochi per le posizioni di vertice. Così non è stato, sia per gli errori di molte delle altre protagoniste della gara, sia per la consistente tenuta dell’azzurra che non ha mai mollato, né sugli sci, nel al tiro, dove non ha più sbagliato nulla, uscendo dall’ultimo poligono in terza posizione, alle spalle della leader di Coppa, Laura Dahlmeier (che sul traguardo ha festeggiato il 10° successo della stagione), e della francese Marie Dorin Habert. Alle spalle, una serie di atlete affamate di risultati a paritre dalla bielorussa Darya Domracheva, che ha provato il recupero sull’azzurra sull’ultima salita, ma ha dovuto cedere alla resistenza ad oltranza di Vittozzi che ha cercato e voluto il posto sul podio.

“Mi sento bene in questo periodo – racconta al termine della competizione – ho retto bene anche a PyeongChang nonostante qualche errore di troppo. Dopo la sprint di venerdì avevo buone sensazioni, ero contenta di essere arrivata sesta perchè mi consentiva di fare gara di testa nella pursuit, oggi ci credevo e ho cercato di stare tranquilla. L’obiettivo era sparare al poligono come sono capace di fare, sapevo che bisognava esser precisi. Ci ho sempre creduto al podio, anche quando sulla salita dell’ultimo giro mi stava raggiungendo Daria Domracheva, però non ho guardato dietro a me, ho tirato diritto e sono riuscita a mantenere un piccolo vantaggio in vista del traguardo. Devo ancora rendermi pienamente conto di questo risultato, arrivare a questo punto della stagione in forma è un buon segnale. All’inizio della stagione facevo un po’ fatica ma strada facendo le cose sono migliorate, fino ad arrivare ai Mondiali di Hochfilzen al top, adesso spero di finire meglio”.

jpgLisa è la terza atleta azzurra a raggiungere un podio individuale in questa stagione, dopo Wierer e Runggaldier, e porta a 10 i podi del biathlon azzurro in stagione.

Gara difficile per le altre italiane, con Dorothea Wierer che commette cinque errori al tiro e termina in 37a posizione, mentre è 43a Federica Sanfilippo e 49a si piazza Alexia Runggaldier.

Ottavo successo della carriera per Arnd Pfeiffer in Coppa: il tedesco si è imposto nella pursuit maschile di Kontiolahti approfittando al meglio della cattiva giornata di Martin Fourcade, autore di quattro errori al poligono di tiro ma comunque vincitore aritmeticamente anche della classifica di specialità. Il vincitore della stagione è addirittura rimasto fuori dal podio con il quinto posto, preceduto anche da Simon Eder ed Emil Svendsen che completano il podio, mentre Ondrej Moravec è finito quarto.

Ottimo il comportamento di Lukas Hofer: il carabiniere di San Lorenzo di Sebato ha comemsso un unico errore nella terza serie e con una grande prestazione sugli sci ha recuperato dal quindicesimo posto inziaile fino al sesto conclusivo, mostrando un’ottima condizione di forma dopo una fase centrale della stagione condizionata da una fastidiosa influenza. E’ il suo quarto piazzamento consecutivo nella top-15 di coppa in una gara individuale. Quattro errori anche per Dominik Windisch, il quale ha comunque limitato i danni sugli sci per il ventiquattresimo posto.

“I due errori di venerdì nella sprint mi hanno fatto riflettere – spiega Hofer – così oggi sono arrivato al poligono con il chiaro intento di non commettere errori e ho limitato i danni con un solo errore in piedi, peccato. Sono contento, ho superato il periodo difficile in cui non stavo bene fisicamente e voglio divertirmi fino alle finali di Oslo”.

A tre gare dalla conclusione Fourcade sale a 1228 punti contro gli 805 di Shipulin.

Domenica 12 marzo il programma prevede la staffetta singola con Lisa Vittozzi e Lukas Hofer e la staffetta mista con Dorothea Wierer, Federica Sanfilippo, Giuseppe Montello e Dominik Windisch.

Ordine d’arrivo pursuit maschile Kontiolahti (Fin)
1. Arnd Pfeiffer (Ger) 30’35″0
2. Simon Eder (Aut) 2 +0″3
3. Emil Svendsen (Nor) 2 +2″3
4. Ondrej Moravec (Cze) 2 +9″8
5. Martin Fourcade (Fra) 4 +25″5
6. Lukas Hofer (Ita) 1 +27″7
7. Johannes Boe (Nor) 3 +33″2
8. Vetle Sjastad Christiansen (Nor) 2 +38″4
9. Andrejs Rastorgujevs (Let) 4 +38″7
10. Anton Shipulin (Rus) 2 +50″9
24. Dominik Windisch (Ita) 4 +1’50″4

 
Ordine d’arrivo pursuit 10 km Kontiolahti
1. Laura Dahlmeier 1 29’54″4
2. Marie Dorin FRA 2 +16″5
3. Lisa Vittozzi ITA 1 +19″9
4. Darya Domracheva BLR 3 +21″9
5. Paulina Fialkova SVK 0 +23″9
6. Lisa Hauser AUT 0 +27″
7. Iryna Varvynets UKR 0 +32″6
8. Celia Aymonier FRA 2 +38″1
9. Anais Chevalier FRA 0 +39″0
10. Gabriela Koukalova CZE 2 +44″8
37. Dorothea Wierer ITA 5 +2’50″9
43. Federica Sanfilippo ITA 4 +3’24″5
49. Alexia Runggaldier ITA 3 +3’45″8