GRANDE SHOW PER IL TRENTENNALE DELLA “SGAMBEDA” DI LIVIGNO

0
166
Renaud Jay e Celine Lallier Choppard

Oggi a Livigno si è celebrato il trentennale della “Sgambeda”, sotto uno splendido sole che ha baciato i tanti amatori e ex atleti scesi in pista nel Piccolo Tibet. A trionfare è stato il francese Renaud Jay, bravo a sfruttare le proprie doti di sprinter regolando il connazionale Jean Marc Gaillard e Toni Livers, mentre al femminile altro successo transalpino per Celine Lallier Choppard sulla ceca Klara Moravcova e su un’altra fondista francese, Alicia Choron.

Quando si pensa alla giornata perfetta per lo sci di fondo, probabilmente ogni fondista immagina una giornata come quella di oggi a Livigno. Sole alto nel cielo, neve veloce e un grande spettacolo in pista. Per il trentennale della Sgambeda, la tecnica libera ha fatto da padrona, dimostrando la vitalità dello skating che ancora resiste allo spadroneggiare dei “binari”, e i fondisti hanno potuto così divertirsi una volta di più all’interno dell’assolato “Piccolo Tibet”.

A 4 chilometri dal traguardo i due francesi nel lotto di testa Renaud Jay Jean Marc Gaillard sono spalla a spalla mentre Livers non riesce a rimanere a contatto. Ben salda invece la contesa femminile con la Choppard nettamente davanti, mentre l’azzurro Matteo Tanel è si trova in nana posizione. Il Campione del mondo di skiroll taglia il traguardo all’ottavo posto senza tuttavia riuscire a battere Kriukov al fotofinish. Rispettivamente quarta e quinta posizione per Kari Varis e Martin Jäger, mentre il traguardo si colora di blu, bianco e rosso grazie ai galletti Jay e Gaillard, e lo svizzero Livers – poco più attardato – a doversi accontentare della terza posizione. In trent’anni di Sgambeda solo nel 2014 aveva vinto un francese, Benoit Chauvet, e Jay è felice di aver rimpolpato l’albo d’oro: «Grandissima giornata sono stato bene su tutta la salita ma non è stato facile con Gaillard, passando Livers e finendo forte».

C’è gloria anche per i senatori, come Gelsomino Cusini che delle 30 edizioni non ne ha mai mancata una: «Essendo di Livigno è sempre un onore essere qua. Ho la fortuna di stare bene e di non aver mai avuto neanche un raffreddore nel giorno della Sgambeda! Poi con una giornata del genere…». Anche Matteo Tanel si è detto onorato di aver fatto a sportellate nientemeno che con un campione olimpico e mondiale nello sci di fondo: «Avevo degli sci incredibili, ho aspettato il finale per attaccare, ma Kriukov ha avuto la meglio». Nessun ribaltamento di fronte invece nella contesa femminile, con Celine Lallier Choppard, Moravcova e Choron a proseguire come avevano cominciato. Felice della propria performance la francese: «Bellissima giornata, sono partita subito forte e dopo sono rimasta con un gruppo di maschi, seguendo loro fino al traguardo. Meglio di così non poteva andare».  In quarta posizione dell’idolo di casa e argento mondiale Marianna Longa. 

Classifica maschile

1 Jay Renaud French Cross Country Ski Team FRA 01:06:18; 2 Gaillard Jean Marc French Cross Country Ski Team FRA 01:06:20; 3 Livers Toni Team Bsv SUI 01:06:22; 4 Varis Kari Northern Fish Hätälä FIN 01:06:51; 5 Jäger Martin SUI 01:08:32; 6 Engdahl Petter SWE 01:08:35; 7 Kriukov Nikita Resultfit RUS 01:09:35; 8 Tanel Matteo Robinson Ski Team ITA 01:09:35; 9 Chanoine Didier Dario S.C. Valdigne Mont Blanc Asd ITA 01:09:38; 10 Solodov Ivan RUS 01:09:50

Classifica femminile

1 Choppard Lallier Celine Team Nordique Credit Agricole FRA 01:16:28; 2 Moravcova Klara Ski Klub Jablonec CZE 01:17:35; 3 Choron Alicia Team Nordique Credit Agricole FRA 01:22:00; 4 Longa Marianna ITA 01:23:11; 5 Nöhmeier Hanna Team Zipps GER 01:23:19; 6 Moyse Claire Team Nordique Credit Agricole FRA 01:24:24; 7 Nemtsova Nina  RUS 01:25:17; 8 Gentile Marta Team Futura – Asd White Fox ITA 01:26:20; 9 Byfuglien Marianne NOR 01:26:38; 10 Zernova Natalia Zernov Team RUS 01:26:59