Gjerdalen e Kowalczyk, signori della Luna

0
325
La partenza: è iniziata la 15a edizione della Moonlight Classic.

Il norvegese Tord Asle Gjerdalen e la polacca Justyna Kowalczyk hanno vinto le rispettive categorie della Moonlight Classic, la tradizionale gara in notturna sotto i riflessi degli astri

 

Il norvegese Tord Asle Gjerdalen e la polacca Justyna Kowalczyk hanno vinto le rispettive categorie della Moonlight Classic Alpe di Siusi sui 30 km, che ieri sera ha celebrato la 15a edizione, venendo finalmente riprogrammata dopo due stagioni di assenza. Nella prova light, di 15 km, successo per il fiemmese Tommaso Dellagiacoma e l’altoatesina Michaela Patscheider (Malles).

La sfida è stata raccolta da quasi trecento guerrieri della luna, per nulla intimoriti da una temperatura (di poco) sottozero, un vento leggero ma frizzante e un nevischio persistente e pungente. Sul viso di tutti, il sorriso delle grandi occasioni e delle grandi emozioni. Molti i nomi di cartello sulla fettuccia di partenza, tra cui i favoriti (che poi effettivamente onoreranno il pronostico. Ma in partenza nulla è mai scontato…) Tord Asle Gjerdalen, secondo alla Marcialonga di domenica scorsa, e Justyna Kowalczyk, che aveva vinto l’ultima edizione (2020) registrando il miglior tempo assoluto della manifestazione. Insieme a loro, anche il norvegese Petter Northug (due Olimpiadi e tredici Mondiali in saccoccia) e molti grandi fondisti di ieri e oggi a onorare quella che più che una gara è diventata negli anni un vero e proprio rito di metà inverno.

Dominio norvegese

Alle 20 in punto il via da Compaccio, con i primi chilometri tutti insieme, sapendo che comunque presto ci si sarebbe iniziati a sfilacciare lungo il tracciato sull’altipiano più esteso d’Europa. Nella gara maschile ha dettato a lungo il ritmo Mattia Armellini, di Sondalo (SO), atleta della Fiamme Oro, che si è aggiudicato anche la classifica sprint al 12° chilometro in prossimità dell’Hotel Ritsch (sarà ottavo al traguardo, in 1h 26’13”).

Ma poco dopo i due terzi della gara il gruppo dei norvegesi ha alzato il ritmo e ha preso il largo, fino a inchiodare l’intero podio. Tripletta norge con Tord Asle Gjerdalen che vince con un tempo di 1h20’37”, battendo i connazionali Thomas Odegarden (di 52”) e Magnus Vesterheim (di 1’29”). Un dominio sugellato anche dalla quinta piazza – sempre norge – di Klas Nilsson (1h24’20”), con il solo tedesco Thomas Bing capace di infilarsi (4° in 1h23’35”), tra lo squadrone dei fiordi.

Il podio maschile, con il norvegese Gjerdalen circondato dai connazionali Odegarden e Vesterheim (Foto: Fabian Dalpiaz).

Il migliore azzurro è stato il bellunese Lorenzo Busin (Team Internorm Alpenplus Trentino), sesto al traguardo, mentre Petter Northug si è classificato settimo. Il gardenese Norman Kostner si è classificato 25°.

«Ha nevicato e la gara è diventata un po’ più lenta di come avevo previsto», ha affermato Gjerdalen all’arrivo. «Ma è stata un’esperienza fantastica: le fiaccole, l’atmosfera… tornerò sicuramente».

Corona d’alloro di rito per Tord Asle Gjerdalen (Foto: Fabian Dalpiaz).

Così le ragazze

In campo femminile, cavalcata vincente di Justyna Kowalczyk, sempre in testa fin dalle prime battute. La 40enne, che si è aggiudicata anche la competizione sprint, ha tagliato il traguardo, sotto una leggera nevicata, dopo 1h42’39”, difendendo al meglio il suo successo del 2020.

«La Moonlight Classic Alpe di Siusi è una delle gare più belle al mondo», ha assicurato la vincitrice a margine della cerimonia di premiazione. «È stata molto dura, le avversarie erano forti, ma ringrazio il mio Team che mi ha fornito del materiale così buono».

Arrivo vittorioso per Justyna Kowalczyk (Foto: Fabian Dalpiaz).

Alle sue spalle, la norvegese Oda Nerdrum, seconda a 1’02”, e la svedese Malin Boerjesjoe, terza a 2’04”.

Il podio femminile, con la polacca Justyna Kowalczyk insieme alla norvegese Oda Nerdrum e alla svedese Malin Boerjesjoe (Foto: Fabian Dalpiaz).

La migliore tra le atlete italiane in gara è stata Elisa Brocard, alla sua prima partecipazione alla Moonlight, che ha agguantato la quinta posizione in 1h52’07”. Top Ten anche per Thea Schwingshackl, ottava, e Monica Confortola, nona.

«È andata bene: questa era la mia prima gara da ex atleta, non ero mai stata qui alla Moonlight e ci tenevo prima o poi a farla», ha spiegato Elisa Brocard. «È un percorso bellissimo, ma ho fatto un po’ di fatica perché adesso l’allenamento ovviamente è diverso da prima. Ha iniziato anche a nevicare e questo ci ha reso le cose un po’ più difficili. Però il percorso e lo scenario sono bellissimi».

Il sorriso di Elisa Brocard, quinta alla sua prima partecipazione alla Moonlight (Foto: Sportissimus).

I risultati della Mezza

Il Trentino conquista tutto il podio della gara maschile sulla mezza distanza, con Tommaso Dellagiacoma che, in 39’45”5, ha preceduto Stefano Mich e Simone Mastrobattista.

In campo femminile, Michaela Patscheider bissa, in 49’19”0, la vittoria del 2020. Seconda è la norvegese Louise Marken Tronrud e terza l’altoatesina Maria Steinwandter.

Come nelle scorse edizioni, anche quest’anno tutte le atlete e gli atleti che, oltre ad aver partecipato alla Moonlight Classic Alpe di Siusi, disputeranno la Mezza Maratona Alpe di Siusi in calendario domenica 2 luglio 2023, saranno inseriti nella classifica combinata “Alpe di Siusu Ski & Run”. La prova di running è ovviamente aperta a chiunque voglia iscriversi, indipendentemente dalla partecipazione o meno alla Moonlight.