SI ENTRA IN CLIMA “PURE ARCTIC MADNESS” CON LA REISTADLOPET

0
161
Photo Credit: Visma Ski Classics

Mancano solo le ultime due gare per concludere la nona stagione Visma Ski Classics, la prossima sarà la norvegese Reistadlopet, da sempre una delle più dure e memorabili prove del tour che si sviluppa all’interno di un paesaggio che lascia senza fiato.

La gara da 50 chilometri unisce Setermoen a Bardufoss presenta uno sprint dopo 5 chilometri e due zone utili per i punti delle scalate: una a Orta dopo 16 chilometri e l’altra a Hallvor Hill dopo 33. Si tratta di due zone di salita estremamente lunghe che presentano più di qualche difficoltà. La Reistadlopet è nata nel 1958 per onorare il ricordo di un eroe locale, il colonnello Ole Reistad, grande appassionato di sci nonché punto di riferimento della comunità.

«La Reistadlopet è una gara molto dura – dice in modo entusiasta Petter Eliassen vincitore qui nel 2017 – è come sciare in una zona completamente isolata dal mondo ed quasi superfluo sottolineare la bellezza dello scenario che si staglia tutto intorno»

Come sempre, non è facile capire chi sarà il trionfatore di giornata e quali atleti finiranno sul podio, anche perché la gara arriva tre settimana dopo l’ultima, periodo nel quale due degli atleti di testa, Andreas Nygaard e Eliassen, si sono affrontati nella durissima Nordenskiöldsloppet svedese da 220 chilometri. Chris Andre Jespersen è arrivato secondo l’anno scorso, ha fatto bene in alcune gare anche in questa stagione e ha sicuramente un’occasione per tornare sul podio. Mentre il vincitore 2018, Tord Asle Gjerdalen ha avuto una stagione difficile anche se è riuscito anche a salire sul podio e probabilmente farà di tutto per vincere in una delle due gare finali.

La Reistadlopet è probabilmente l’unica gara che al femminile non vede Britta Johansson Norgren come la grande favorita. Lei, che è stata la regina del double-poling nelle prove di questa stagione non è altrettanto efficace nel passo diagonale. Atrid Øyre Slind è un’ottima atleta di tecnica classica e sembra davvero intenzionata ha vincere la prima gara della sua stagione. Discorso che vale anche per la sua compagna di squdra nel Team Koteng, Masako Ishida, vincitrice l’anno scorso. Altre atlete da podio in questa gara sono senza dubbio Katerina Smutná e Kari Vikhagen Gjeitnes.