NORTHUG PADRONE DELLA 50 KM. STANDING OVATION PER DI CENTA

0
193
L'allungo vincente di Petter Northug (NordicFocus)
L’allungo vincente di Petter Northug (NordicFocus)

Bella gara per gli azzurri che per molti chilometri sono rimasti tutti e quattro nel gruppo di testa. Si sono gradualmente staccati Giorgio Di Centa e Mattia Pellegrin, mentre tenevano Dietmar Noeckler e Francesco De Fabiani. Il forcing finale dei migliori però cambiava le carte in tavola e mandava fuori giri De Fabiani, mentre Di Centa, con esperienza, risaliva posizioni. Il migliore al traguardo è stato Dietmar Noeckler rimasto aggrappato ai primissimi e 12° alla fine con 21″6 di ritardo da Northug. Di Centa è 22° con il pubblico svedese a fare una standing ovation per l’ultimo traguardo della sua favolosa carriera. Alle spalle di Di Centa arriva Mattia Pellegrin, mentre De Fabiani chiude al 32° posto senza più energie.

Si chiude il Mondiale di Falun che ha regalato all’Italia del fondo la medaglia nella Team Sprint dopo sei anni di fatiche non premiate, medaglia che segna il punto di ripartenza della Nazionale guidata da Sepp Chenetti che dichiara: “Direi che è stato un buon Mondiale da parte di tutti. Ringrazio i nostri atleti che hanno dato tutto per tutto il Mondiale. Anche oggi abbiamo combattuto. Dobbiamo avere in futuro atleti che vogliono raggiungere la vetta e non che si accontentino di partecipare, mi pare che siamo su questa strada. Dietro ci sono giovani come Baudin e Rastelli che ci fanno ben sperare per il futuro. Tengo un voto basso, direi un sei e mezzo, perché possiamo e dobbiamo crescere”.

Di Centa invece spiega: “Come ultima gara non potevo scegliere giornata peggiore. Non sono mai stato realmente in gara. E’ stata una grande esperienza. Oggi per me è una festa, ringrazio davvero tutti. Lascio una Nazionale che può crescere molto. Adesso mi dedicherò alle gare sulle lunghe distanze, in mezzo agli amatori, per uno o due anni. Poi si vedrà”.

 

Ordine d’arrivo 50 km C maschile Mondiali Falun
1. Petter Northug NOR 2h26’02″1
2. Lukas Bauer CZE +1″7
3. Johan Olsson SWE +2″0
4. Maxim Vylegzhanin RUS +2″8
5. Alex Harvey CAN +6″0
6. Dario Cologna SUI +9″5
7. Alexey Poltoranin KAZ +10″1
8. Didrik Toenseth NOR +10″1
9. Daniel Richardsson SWE +14″6
10. Alexander Bessmertnykh RUS +17″5

12. Dietmar Noeckler ITA +21″6
22. Giorgio Di Centa ITA +2’15″3
23. Mattia Pellegrin ITA +2’23″6
32. Francesco De Fabiani ITA +4’08″6