NEL FRATTEMPO, PROSEGUE LA MARCIA DI AVVICINAMENTO A PECHINO 2022

0
198
Ph. Credit: Wu Jingxuan / Beijing2022

Se il 2020 verrà ricordato come un anno sportivamente anomalo con lo slittamento di tutte le manifestazioni comprese le Olimpiadi estive di Tokyo, c’è ancora margine per credere che l’alter ego invernale dei Giochi di Pechino previsti per il 2022 non subiranno troppi cambiamenti. Per questo, proseguono le tappe di avvicinamento all’appuntamento più importante nel panorama degli sport su neve e ghiaccio.

Il piano per incrementare la produzione di idrogeno

La città di Zhangjiakou co-ospiterà i Giochi Olimpici Invernali e al momento è focalizzata su un piano per aumentare la capacità di produrre idrogeno da qui ai prossimi due anni. Distante quasi 200 chilometri dalla capitale cinese, Zhangjiakou sarà un hub fondamentale per l’ottima riuscita della manifestazione. Tra le tappe di avvicinamento in città ci saranno anche i Mondiali di Freestyle e Snowboard della prossima stagione.

La mobilità interna al Paese

La mobilità è da sempre un aspetto di fondamentale importanza in un evento che sposta migliaia e migliaia di persone. E diventa ancora più delicato quando deve essere implementato in un Paese dalle distanze molto elevate come la Cina. Per questo motivo, la tratta Pechino- Zhangjiakou verrà implementata con più corse di treni ad alta velocità. Un progetto partito nel dicembre del 2019 che permetterà di coprire la distanza in 47 minuti.

Il francobollo celebrativo

Altro aspetto non certo da sottovalutare è quello del merchandising e del marketing. La China Post ha realizzato un set di francobolli per celebrare le Olimpiadi e le Paraolimpiadi del 2022 dalla forma ottagonale. Forma che richiama l’intero tipico degli edifici cinesi.  Ogni set inoltre sarà un emblema che rappresenterà il grande lavoro che stanno facendo, ma soprattutto che dovrà essere svolto nel 2022, dei volontari.